<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/01/29

La Redenzione di Mr. Armstrong

Ho avuto modo di leggere sul Wall Street Journal del 15 gennaio scorso un pezzo a proposito della decisione di Lance Armstrong di confessare le proprie colpe riguardanti il doping assunto in oltre un decennio di carriera ciclistica a livello agonistico. Questo pezzo era denominato "Dietro la decisione di Lance Armstrong di rivelare i retroscena", che attribuisce una citazione dell'atleta, e una risposta da un burocrate, che è decisamente interessante. 

In un incontro con Travis Tygart, il capo dell’Agenzia Anti-Doping degli Stati Uniti (Usada), Armstrong ha indicato se stesso dicendogli: "Tu non detieni le chiavi della mia redenzione. C'è una sola persona che detiene le chiavi della mia redenzione, e quello sono io.” La cosa più affascinante di questa citazione non è la sfacciataggine, no, bensì la natura, comune con altri atleti nelle stesse condizioni di Armstrong, del ritornello.
Tutti pensano che la loro redenzione, il proprio dichiararsi alla società e ottenere da questa il perdono, la classica pietra sopra ai vecchi peccati e da adesso in poi "vogliamoci bene", spetti unicamente a loro. O forse a altri tranne, forse, che a questo funzionario dell’anti-doping statunitense, tale Travis Tygart.

Dopo aver ascoltato in tv l’affermazione di Lance Armstrong, Tygart avrebbe risposto: "Queste sono tutte balle!" È evidente che non si risolvono così anni di presa in giro, di successi arrivati in seguito alla mistificazione, all’imbroglio, al doping, che ha sicuramente minato nel profondo la salute dell’atleta - e a ben guardare chissenefrega, l’ha voluto lui – bisogna aggiungere anche l’umiliazione per i rappresentanti delle istituzioni di controllo per non aver mai capito quello che si nascondeva sotto le mirabolanti prestazioni di un mingherlino, nemmeno troppo muscoloso, nemmeno tanto conosciuto, salito agli onori della cronaca per aver sbaragliato tutti sulle creste del Tour de France.

Tygart ha semplicemente chiamato balle, con evidente allusione a qualcosa d’altro ben più puzzolente, la dichiarazione di Armstrong che reclama la propria redenzione come frutto della propria volontà e forse anche frutto di un mero calcolo per continuare a guadagnare quattrini dai vecchi fans dimostrando loro un sincero pentimento, magari attraverso il desiderio di del ciclista di poter tornare a correre. Nessun riferimento ai fans, no di certo, nessun riferimento al perdono vero o presunto, sincero o falso che potrebbe anche non essere automaticamente espresso da quei tifosi che si sono sentiti presi in giro. Una reazione accurata, quella di Tygart, come accurata è stata quella dei milioni di telespettatori che hanno seguito l’outing di Armstrong ospite di Oprah. Evidente che il disegno è l’ottenimento del perdono, essere padroni del proprio destino assumerebbe quindi la convinzione di possedere le chiavi, di detenere le chiavi per la propria redenzione. Questa idea è totalmente sbagliata, balle, balle e solo balle.

Mi viene da pensare che Armstrong abbia creduto fino in fondo alla possibilità che, mettendo a nudo la sua anima (o, almeno, il contenuto del suo armadietto dei medicinali) a Oprah avrebbe portato alla propria redenzione. Questa idea è, nella peggiore delle ipotesi, decisamente cinica, una estremizzazione dell’evidenza del peccato tesa a sviluppare sentimenti di perdono, comprensione per il desiderio, umano, di primeggiare a ogni costo e, quindi, perdonabile in quanto l’uomo, la carne è debole, si può quindi ammettere la colpa per ottenere la redenzione di tutti i peccati, il doping è un peccato ma verso se stessi, il risultato del doping invece è un reato dimostrabile verso gli altri competitori e il pubblico. Quello stesso pubblico che a lui ha creduto come un uomo invincibile e provato dalla competizione.

Nella migliore delle ipotesi, Armstrong ha voluto farci credere che dichiararsi per quelle droghe che ha assunto in quindici anni di carriera ciclistica per essere sempre ai massimi livelli fosse non già frutto di una propria volontà ma il frutto di un sistema corrotto che spinge gli atleti a doparsi per avere i migliori risultati e primeggiare, altrimenti si resta indietro. E con questo ha voluto dimostrare, procurare la prova regina per la piena e totale redenzione?

Aha aha, rido di gusto, solo pensare che potesse essere creduto dai propri fans, delusi, affranti rende un’immagine di un piccolo uomo, freddo e calcolatore, attento solo al ritorno in termini economici che quell’outing potesse rappresentare. Così fan tutti? Probabile, ma gli altri non hanno vinto per sette volte quasi consecutive il Tour de France e quindi diventa evidente anche a un cieco che lui sapeva benissimo quello che faceva, e il bieco calcolo della supposta redenzione altro non è che un ulteriore sistema per pompare altri quattrini di chi lo compatisce, gli perdona gli errori e lo aiuta a redimersi totalmente. Un buffone, questo è realmente Lance Armstrong, un pagliaccio di corte che considera tutti al proprio servizio, buoni solo per foraggiare la propria infinita fame di potere e di quattrini.

Quando un cristiano parla di redenzione non si riferisce a un ritorno, a uno stato precedente allo stesso livello. Alcuni lo fanno, in realtà, ma questo modo di pensare, come sottolineato da alcuni famosi teologi della fede, non si identifica totalmente nella redenzione. Perchè la redenzione è una caduta, si cade e ci si rialza esattamente nel punto in cui si cade. Non si ritorna quello che eravamo prima ma siamo costretti a ricominciare tutto il cammino per arrivare in cima, alla redenzione totale. Questo è il dono, non si può avere noi stessi le chiavi. E meno male, anche perché quando un altro le tiene, il nostro dono è incommensurabilmente più prezioso.

Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento