<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/04/14

NO EUROPA, NO EURO


Il problema non è l’antieuropeismo, il problema è questa Europa e questo Euro, la moneta unica che ci sta drammaticamente affondando. Mi permetto, da (ex) europeista convinto, di fare questa affermazione categorica e perentoria perché ritengo allarmante l’evidente constatazione che, passo dopo passo, l’ideale di un’Europa unita, terra di diritti, di eguaglianza e fraternità si è progressivamente disgregato e si sta avviando verso una rischiosa implosione.

NO EUROPA PERCHE’?

Il paradosso è che tutto ciò stia avvenendo a poco più di dieci anni dall’introduzione della moneta unica. In linea di principio quel provvedimento avrebbe dovuto essere uno dei pilastri principali dell’istituzione sovranazionale premessa di un’entità federale o confederale. Non è stato così. L’unità monetaria avrà anche avuto i suoi indiscutibili meriti ma non ha per nulla contribuito a rafforzare il sentimento europeo nelle nazioni che compongono la Comunità e, verosimilmente, neppure nei suoi cittadini. 
La Commissione Europea, che di fatto condiziona pesantemente la politica economica, finanziaria, fiscale e del lavoro degli stati membri, fa invece poco o nulla per orientare le questioni dei diritti sociali, civili, della legittimità democratica, del welfare e men che meno si impegna per la cultura che insieme alla solidarietà è la principale struttura e infrastruttura preposta a formare e garantire l’identità profonda di qualsiasi progetto fondato e lungimirante. La gravissima crisi che continua ad imperversare, aggravata dalla inefficace e depressiva politica di austerity voluta dagli eurocrati con la connivenza di Fmi e Banca Mondiale, mette a nudo sempre più i deficit di senso della Ue.

E L’ITALIA DOVE SI TROVA? 

In tutto questo bailamme si posiziona l'Italia. Il nostro paese è vittima di una politica doppiamente criminale, prima di tutto quella interna che non ha fatto altro che attuare regolamenti e leggi “ad personam” per difendere i diritti di una sola persona e di una casta e, dall'altra parte un'Europa che ci teme in quanto potenza all'inverso, cioè capace di distruggere gli equilibri apparenti fino qui raggiunti dalle altre nazioni europee, anche a nostro danno, beninteso. Per questo motivo si è verificato quell'incruento golpe (colpo di Stato) che ha visto il Presidente del Consiglio eletto dal popolo, messo gentilmente alla porta dal presidente della Repubblica in concerto con la Cancelliera tedesca Angela Merkel e probabilmente anche altre potenze europee, per nominare un Governo Tecnico alla cui testa è stato messo Mario Monti, l'unico veramente in grado di mantenere quella liaison con il resto d'Europa a evitare il tracollo degli investimenti stranieri in terra italica. Non per nulla Mario Monti è stato capace solo di aumentare la pressione fiscale a dismisura, mettere le mani in tasca agli italiani, togliendo loro i risparmi, togliendo loro la speranza. Incapaci di agire, con le mani legate da una Europa sempre meno disposta a tenderci una mano, un'Europa che intende rientrare da tutti gli investimenti effettuati nel nosrtro paese. 
Ecco infatti che si scopre che alcuni Paesi europei avrebbero sfruttato l'appartenenza alla moneta unica per aumentare la loro competitività, a discapito di altri, a discapito nostro che scontiamo un collettivo politico disastroso, disunito anche nei momenti peggiori, incapace di guardare al benessere del Paese ma solo e esclusivamente al proprio benessere e prestigio personale, un Parlamento che ha fatto di tutto e di più per farci precipitare in questo baratro dal quale non se ne esce se non con decisioni drastiche, all’apparenza suicide anche se non è affatto così. Quei Paesi che hanno condannato l’Italia hanno contenuto i salari e la domanda interna, hanno mantenuto artificialmente la propria inflazione sistematicamente a livelli inferiori rispetto ai partners, i quali, condividendo la stessa moneta, non avrebbero potuto operare una svalutazione difensiva per determinare un riequilibrio. I primi avrebbero accumulato surplus commerciali, mentre i secondi avrebbero visto peggiorare i conti con l'estero, fino ad entrare in crisi.
Il Bollettino parla di Portogallo Irlanda, Italia, Grecia, Spagna a cui si sono aggiunte Cipro e Malta, Slovenia e Austria vedono il fondo, il Belgio non sta bene finanziariamente anche se in Belgio si posiziona la sede dell’Europa, della BCE, presto altri si aggiungeranno alla lista dei Paesi in crisi.

QUANTI SONO I PAESI CHE ADERISCONO ALL'EURO?

Pochi, sono solo  17, agli undici storici che hanno aderito a partire dall’1 gennaio 1999 se ne sono aggiunti solo altri 6: 
Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Portogallo in seguito Grecia (2001), Slovenia (2007), Malta e Cipro (2008), Slovacchia (2009), Estonia (2011). Per Francia e Olanda vanno anche considerati i possedimenti oltre oceano fra i quali la Nuova Caledonia in oceania o Saint Martin ai Caraibi e altre minori.

Ho notato che di questi 17 ben 7 sono ufficialmente in crisi, cioè Italia, Portogallo, Grecia, Irlanda, Spagna, Cipro, Malta. A cui possiamo aggiungere la Slovenia ormai in procinto di arrendersi all'evidenza. Vale a dire il 50% dei Paesi dell'area euro versa in grave crisi. Bisogna uscire subito, dopo forse potrebbe essere troppo tardi.

COME USCIRE DA QUESTO EURO?

Quanto sta avvenendo a Cipro dovrebbe insegnarci a trovare la giusta strategia per uscire dall’Euro e cadere in piedi. Esistono diversi modi per uscire dall’Euro, non si può comunque credere che sarà un percorso facile e scevro da ostacoli. Innanzitutto la sovranità calpestata, quella che salta subito agli occhi degli italiani, non possiamo più decidere le politiche finanziarie e di bilancio per nostro conto ma siamo costretti a seguire quelle impostaci dalle potenze straniere forti, finanziariamente e economicamente che detengono anche una grossa fetta del nostro debito pubblico. 
Questa sovranità nazionale che ha dovuto essere posta in secondo piano, accantonata, umiliata per rispettare delle misure che all’apparenza tengono legato il nostro paese a una politica comunitaria che ci protegge. Un noto economista e premio Nobel ha affermato recentemente che Cipro dovrebbe uscire dall’Euro il prima possibile, prima di andare incontro a una depressione incredibilmente severa che andrà avanti per anni. Perché Cipro e perché non l’Italia?

L’Italia nell’Euro non sarebbe nemmeno dovuta entrare, questa è la sacrosanta verità. Noi siamo entrati con l’illusione di poter sistemare i conti con un colpo di spugna, dimenticandoci un passato pesante, con un debito pubblico alle stelle e abitudini politiche di spesa votate al rialzo costante, e non solo quelle. Tutto il Paese deve domandarsi del proprio atteggiamento quando Prodi decise che si doveva aderire. Lo stesso Prodi che qualcuno vorrebbe Presidente della Repubblica invece di spedirlo al muro per alto tradimento dello Stato. Il giorno dopo tutto quello che costava mille lire abbiamo scoperto costava un euro, di fatto il valore della nostra moneta è stato dimezzato, sono tutti responsabili di questo ma di più lo sono i nostri politici,m incapaci di controllare, di reprimere, di vietare simili comportamenti. Oggi se ci troviamo in questa situazione la colpa è solo loro.

Sappiamo bene che i costi di un default per un Paese sono assolutamente sopportabili a patto che sia possibile svalutare la moneta, l’Italia in passato ha attuato diverse volte questa politica per salvaguardare le proprie imprese, affinché potessero continuare a mantenere il prodotto adeguati alla domanda e venderlo a prezzi inferiori alla concorrenza. Oggi non si può perché la nostra moneta è comune per altri sedici paesi, non possiamo svalutare secondo la nostra convenienza, dobbiamo subire senza agire.

Arrivati a questo punto la sola strada percorribile sembra sia quella dell’uscita dell’Italia dall’Euro. Arrivati a questo punto la questione è ancora più pesante di quello che ci vorrebbero far credere, semplicemente si dovrebbe capire che l'euro è una moneta ormai insostenibile per Ia zona che l’ha applicata. I motivi sono tanti, ma ormai è chiaro che il prossimo problema è puramente politico e riguarda Ia gestione di come superare questo errore.

La vera incognita è solamente politica. Sono stati i politici a dirci inizialmente che l’euro sarebbe stato pesante da sostenere in termini economici, ma hanno comunque voluto prendere una decisione contraria alle leggi elementari di economia. Adesso tocca a loro tirarci fuori da questo guaio. Esistono numerosi precedenti storici e che gli squilibri che si sono accumulati per colpa della moneta unica, anche se in questo momento sembrano dolorosi da sostenere, per l’Italia non sarebbero nemmeno tanto drammatici. Il fondo lo abbiamo raggiunto da tempo, le aziende falliscono e chiudono al ritmo di diverse centinaia al mese, la gente resta senza soldi, i più fragili mentalmente e psicologicamente pongono fine alla loro vita, incapaci di affrontare i disagi che questa infinita crisi impone loro. 
Il popolo italiano ha il tempo e la possibilità di tirarsi fuori da questa trappola, i dati fondamentali italiani sono sostanzialmente ancora buoni, il popolo è ancora risparmiatore, ha quindi tutto il vantaggio di uscire prima che la propria ricchezza, gli immobili e i risparmi in banca vengano aggrediti dall’Europa per ricapitalizzare quelle banche del nord dell’Europa che hanno sbagliato.

Si può e si deve quindi uscire dall’euro e dall’eurozona per adottare una valuta che possa essere liberamente quotata sul mercato, secondo il grado di forza dell’economia. Non è rilevante se poi si chiamerà lira o altro, per l’Italia significherebbe solamente adottare il proprio standard monetario, lasciando che sia il mercato a determinare il valore.
Non si spaventino di questo gli italiani, non avremo svalutazioni catastrofiche, le abbiamo già sperimentate nel 1992 e nel 1999 e ci siamo salvati, e noi siamo forti, e forti dobbiamo continuare a esserlo e dobbiamo resistere a chi vorrebbe vederci soccombere come già successe negli anni, tristi, della grande guerra.
Uscendo dall’euro non avremo necessariamente un default del debito pubblico, non c’è stato nel ’92 perché adesso che i conti sono sostanzialmente migliori? Riacquistando la nostra sovranità monetaria saremo in grado di finanziare il nostro debito pubblico a tassi più bassi, alla faccia di Angela Merkel e di Mario Monti.

NO ALL’EURO, NO ALL’EUROPA 
- NOI CORRIAMO DA SOLI - 
- CE LA POSSIAMO FARE! -

Questo articolo è stato pubblicato su: NO EUROPA NO EURO - Movimento per la Sovranità Monetaria e Reddito di Cittadinanza il 15 Aprile 2013.

Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento