<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/05/14

L'idiota



A volte le ispirazioni vengono senza che te le aspetti. 

Questo articolo si fonda su alcuni pensieri che mi sono venuti questa mattina rileggendo un articolo su un social forum a proposito della requisitoria del PM Ilda Bocassini sull'affare Ruby.


Intendiamoci, la citazione a quell'evento inizia e termina subito, non è di quello che voglio qui trattare, diciamo che ho colto quell'occasione per scrivere il mio pezzo. 

Obiettivo l'idiota in quanto tale e la sua posizione in seno al contesto sociale.


Leggo su Twitter una citazione di ignoto: "La differenza che passa fra un idiota e un uomo intelligente la si misura attraverso il colore dei calzini, quelli dell'idiota sono sempre bianchi."



Ora verrebbe da chiedersi per quale motivo l’idiota, o almeno un individuo, diventa idiota nel preciso momento in cui indossa i calzini che, si sa, non sempre rivestono quella importanza che noi diamo a tale accessorio di abbigliamento. Dipende da tante cose, primo fra tutti il contesto geografico: il pescatore delle Isole Vergini, tanto per menzionare qualcuno, non sa che farsene dei calzini, che siano bianchi o neri o a pallini rossi e blu al massimo, se ne entrasse in possesso, li userebbe come contenitori per le esche, non gli ami altrimenti si impiglierebbero nel filato, ma se succedesse che il pescatore delle Isole Vergini li usasse come contenitori degli ami da pesca, allora potremmo associarlo alla categoria degli idioti? 



No, voglio approfondire, il concetto, l’idea di base l’ho espressa, ora sta a voi miei carissimi lettori, a decidere in quali casi il pescatore di cui sopra posso essere considerato idiota secondo l’uso che fa dei calzini.



Torniamo alla citazione dunque. Il mio lattaio, ahimè lo cito spesso ma è l’unico che mi ritorna in mente, ma non come la famosa canzonetta di Battisti, io non lo desidero affatto, dicevo che il mio lattaio indossa i calzini, anzi le calze, quelle lunghe, attillate, che avvolgono la gamba dal ginocchio in giù. Lui le calze le indossa sempre di colori sgargianti, a volte nere, mai bianche. Può quindi essere salvo, cioè non includile nella categoria degli idioti perché le calze bianche non le indossa mai?



No di certo. La citazione evidente non si ispira all’accessorio utile per fasciare i piedi, veri responsabili di tutta la questione, ma a un modo di vivere, a una vita senza colore, il bianco rappresenta il colore sommatoria di tutti i colori ma senza tinta, che poi a noi la sottile differenza non arriva, non siamo capaci di cogliere il significato del termine e per cui se non ha la tinta che colore sarebbe? 



Anche il nero ha una classificazione a parte nella scala dei colori, infatti viene senza dubbio classificato come il colore non colore, vale a dire il colore che non esiste perché non contiene nessuno di quelli della scala cromatica ma a questo punto a noi che ne viene? Nulla, e per questo che dobbiamo focalizzarci sul bianco. 



Bianco come la purezza, la purezza ha a che fare con l’idiozia? Giammai, allora bianco come la Luna? Come il Sole a mezzogiorno quando è inguardabile pena perdere la vista per sempre? Bianco perché accidenti? Io non trovo una corrispondenza valida se resto nel contesto cromatico. Ma ecco che sovviene un discorso di non mi ricordo chi, che fosse il saggio Aristotele?  



Aristotele pare avesse sviluppato un'autonoma concezione della realtà; in particolar modo, doveva negare l'esistenza delle idee come universali che esistano separatamente dalle cose particolari. In altre parole, pur essendo Aristotele d'accordo con Platone sul fatto che gli universali come "uomo", "giusto", "bianco" per essere conoscibili dovessero avere un certo grado di realtà, non condivideva l'attribuzione a questi di un'esistenza separata rispetto agli oggetti (i singoli uomini, le singole cose bianche, giuste, ecc.) di cui questi universali si predicano.



Il bianco in quanto tale, fine a se stesso, invece non esiste separatamente. Non vediamo mai il bianco ma sempre un oggetto bianco; il bianco, non si identifica in una situazione più o meno reale ma esiste solo come qualità di una sostanza (questo concetto tuttavia dovrebbe applicarsi anche agli altri colori della scala cromatica, pare che Aristotele non lo considerasse, la ragione mi è completamente sconosciuta). 



Di conseguenza, in linea di principio, non è possibile realizzare un contenitore dei colori, in cui siano presenti i singoli colori ma solo se disponiamo di oggetti che non sono colori ma li rappresentano. Non avremo mai una scatola di colori, ma una di matite colorate, e come non potremo mai avere una di numeri ma contare le cose al suo interno e assegnare a ognuna un numero tale che la distingua dalle altre esattamente come faremmo per i colori. Non esiste l’albero dei colori, esiste quello di mille colori ma si tratta di un albero e non di un colore che, in quanto tale non esiste. 



Aristotele asseriva che l'essere non è un genere e che anzi la parola "essere" può avere molti significati. Quindi l'essere bianco è come un concetto di universalità, e parafrasando e andandoci anche abbastanza larghi, potrei dire che bianco equivale a nessuna presa di posizione, nessuna realtà, nessun appartenere a qualcosa di definito o definibile, per cui fuori dal coro.


Un idiota quindi se indossa, per assurdo, solo calze bianche, significa che non si schiera, che non prova sulla propria pelle i casi e le situazioni della vita, cioè tutto quello che la vita gli propone, se ne tira fuori, le calze bianche sono la prova, il testimone, di questo suo vivere fuori dal contesto, dagli schemi, dalla cultura generale, dal sapere e anche dal non sapere per volontaria decisione, dalle consuetudini e per cui viene dichiarato idiota. 


Evviva! Oppure no?




Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento