<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/06/07

Cent'anni

Io e mio padre, 57 anni fa, avevo 3 anni appena compiuti 
Eccoci qui, sono trascorsi cento anni. C-E-N-T-O anni, un numero infinito, difficile anche da pensare e considerare. Anche se oggi la gente arriva abbastanza facilmente a cento anni, non che siano tutti di questa venereanda età ma centenari se ne incontrano tutti i giorni, ovunque noi viviamo.
Cent'anni come il libro del mio scrittore preferito Gabriel Garcia Marquez.
Era il 7 giugno 1913, Sergio Balacco, mio nonno, si recò alla casa comunale per dichiarare la nascita del suo terzo figlio, o forse il quarto perché come raccontava spesso mio padre prima di lui era nato un altro fratello morto quasi subito, ancora prima di compiere un anno, cioè mio padre Antonio, avvenuta, presumibilmente lo stesso giorno, il condizionale è d’obbligo e non posso che romanzare questo episodio datosi che tutti i protagonisti di quella storia sono passati a miglior vita. Dicevamo che fu registrata la nascita di mio padre, frutto dell'amore coltivato da mio nonno con la consorte Gesummina Carbone detta Mina, frutto che non sarebbe stato l'ultimo, visto che dopo di lui nacquero due sorelle e questo nonostante il nonno non fosse più tanto giovane. Alla formalità burocratica della ricezione della denuncia della nascita, poiché il sindaco era assente, inattesi impegni l’avevano trattenuto altrove, provvide l'addetto all’anagrafe che non ho la benché minima idea come si chiamasse e detto fra noi non è che importi poi molto. Fatto sta che lui fu registrato, con l'assistenza dei testimoni di rito.
Mi perdo nei ricordi che non ho mai avuto o forse ho dimenticato anzitempo, magari perché nessuno ricordava con precisione quello che successe, e tralascio o cancello con un tratto di penna il numero di registrazione anche se, sono quasi certo, quando mio padre nacque non vi furono troppe registrazioni, il paese era piccolo, le famiglie per la maggior parte povere, il nonno rappresentava un’eccezione e forse uno dei pochi che le regole le rispettava. Oggi, cento anni fa, da quella casa dove vide la luce del giorno, il 7 di giugno dove essere una giornata calda, non dico afosa certamente calda e lui, mio padre vide la luce e tutto prese vita anche nei suoi occhi. Come posso immaginare mio padre un bimbo, come mio figlio quando nacque. Non so, posso solo immaginare perché i bimbi alla nascita si assomigliano tutti e lui era piccolo e indifeso proprio come suo nipote quando nacque. E in quella casa si levarono, padre mio, i tuoi vagiti. Posso solo immaginare. 

E da quel giorno sono trascorsi ben cento anni, di cui vissuti da te solo 68! La pletora di infiniti ricordi che scaturiscono dalla mia penna virtuale mi terrebbe bloccato qui a scrivere senza sosta un romanzo parlando di te. Ma io, come te, debbo assolvere al dovere di continuare a lavorare. E, sono sicuro che non te la prenderai, se non vengo davanti alla tua lapide in raccoglimento a portarti un mazzo di fiori, anche perché sarebbe un lungo viaggio visto che oggi io e la mia famiglia abitiamo molto lontano da dove abiti e abiterai tu per l’eternità, e quindi accetterai che rivolga a te, da lontano, il mio pensiero ed il mio affetto.
Ti voglio bene papà, un grande abbraccio ti giunga come se tu fossi qui a riceverlo. 
Tuo figlio Sergio.


Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento