<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2014/02/02

Italia dimenticata, affonda miseramente

Bagarre alla Camera dopo che la Presidente Boldrini ha messo in atto la Ghigliottina

Quale grado di completezza e libertà di informazione abbiamo oggi in Italia? Urlano in tanti, passano in TV le immagini più eclatanti delle proteste in Parlamento o sulle piazze, ma raramente c’è la volontà di informare correttamente sui fatti.

Due episodi di questi giorni ne sono un esempio: legge elettorale e decreto Banca D’italia. Sulla prima questione si è discusso a lungo di sbarramenti e percentuali di coalizione, ma si sta tacendo sulla bocciatura del voto di preferenza che sarebbe l’unico modo per i cittadini di scegliere il proprio deputato.
Avevamo un parlamento di “nominati” scelti dai partiti con liste bloccate, avremo un nuovo parlamento sempre di nominati, sempre scelti da quegli stessi leader di partito attraverso canditati di collegio bloccati. Ovvero non cambierà assolutamente nulla  nonostante la bocciatura della Corte Costituzionale visto che saranno eletti solo i primi della lista di ogni collegio.

Ecco perché improvvisamente è sbocciato l’amore tra Renzi e Berlusconi: la possibilità di far eleggere deputati affidabili e controllabili, che rispondano direttamente a loro stessi è evidente e palese, è stato solo un interesse comune a legare i due leader ed è su questo aspetto che tutto gira intorno. Quanti italiani l’hanno capito?
Simile è la questione della “privatizzazione” o “ricapitalizzazione” delle banche tramite il loro maggiore controllo della Banca d’Italia decisa con un contorto decreto infilato dal governo dentro il pasticcio dell’IMU . 

Già questa storia di infilare questioni diverse nello stesso provvedimento è una schifezza, anche perché così tutta l’attenzione dei media si è legata alle scadenze IMU “dimenticando” la polpa, ovvero che per una ciocca di latte le banche rivaluteranno le loro posizioni di controllo della Banca d’Italia che di fatto diventerà di più un Istituto privato e sempre meno di controllo pubblico. Ma ci rendiamo conto della importanza strategica data dal controllo dell’istituto di emissione di uno stato sovrano? E cosa può succedere quando quelle stesse banche (controllanti e controllate!) sono “proprietarie” di Banca d’Italia ma  sono in gran parte di proprietà straniera visto  che il loro capitale è quotato in borsa e si può facilmente verificare chi effettivamente le controlla. 

E’ così che l’Italia perde progressivamente sovranità e potere di decisione economica e finanziaria a livello europeo, eppure quanti spiegano nel dettaglio queste cose al grande pubblico? Serve a nulla andare poi a piangere a Bruxelles quando gli interessi stranieri che ci dettano e ci detteranno sempre di più la linea economica li coccoliamo in casa.
Tra l’altro di fatto affidiamo loro anche le 205 tonnellate di oro che sono le nostre riserve auree nazionali, di una “Banca d’Italia” che di fatto non è più degli italiani!.
Invano in Parlamento, Fratelli D’Italia, M5S, Lega Nord e pochi altri hanno protestato, zittiti dalla baraonda generale perché – è incredibile – se un deputato cretino del M5S se la prende in modo volgare con Napolitano va su tutti i giornali, ma di vicende ben più gravi come quelle che ho segnalato non parla quasi mai nessuno. E’ questa vi sembra una corretta informazione? Contano più queste cose o i piccanti retroscena di qualche delitto che occupano pagine e pagine di cronaca?



Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento