<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2014/03/16

Il tempo delle Truffe (3)





Ve lo ricordate quel vecchio film interpretato dal grande Antonio de Curtis in arte Totò nel quale, fra le varie scene dove vengono rappresentate le "truffe" organizzate dai due soci, viene venduta la Fontana di Trevi a un credulone turista italo-americano che viene poi preso per folle e condotto al manicomio? 
Ecco, allora come oggi e in tempi di crisi le truffe ai soliti ingenui si moltiplicano.

Sembra che, per i truffatori, quando si attraversa un periodo di crisi finanziaria diventa quasi un invito arrecare danni a chi si trova in difficoltà oppure agli sprovveduti che si affacciano al mercato mondiale dell'investimento. Spesso in un vago e confuso tentativo di uscire dalla miseria, dalla crisi, dalle tasse che strozzano, da quelli che si ritengono strozzini e primi fra tutti i banchieri, ecco che gli italiani pensano che andarsene fuori dai confini natii possa essere la soluzione per risolvere d'un botto i loro problemi monetari, finanziari. Spesso qualcuno sprofonda ancora di più nei problemi, ne viene fagocitato, assorbito, ingoiato e pure digerito senza quasi che se ne accorga. 

Quando succede che ci si rende conto della grossa fregatura subita, della truffa, è decisamente troppo tardi. Le persone che attraversano un periodo di crisi finanziaria spesso fanno anche fatica a accettare aiuto. Chi si trova in una tale situazione, troppo spesso ha anche poca autostima e ritiene di avere fallito nella nostra società. E quindi ecco che è gradita ogni offerta di aiuto proveniente dall’esterno, che non richiede di attivarsi personalmente. I truffatori lo sanno e sfruttano spudoratamente la situazione offrendo aiuto in modo apparentemente disinteressato e gratuito.

Supponiamo che abbiate un terribile mal di denti. Una piccola carie a un molare che si è espansa a tal punto da andare a toccare il nervo. Il dolore diviene lancinante, vi toglie il sonno. Qualcuno si offre per assistervi e sistemare il dente malato direttamente a casa vostra, utilizzando utensili di fortuna, magari le pinze nella cassetta degli attrezzi o il coltello da macellaio che avete in cucina, vi blandisce assicurandovi che non sentirete alcun dolore e vi tranquillizza prospettandovi un perfetto servizio senza che dobbiate sostenere dei costi. 

Gli credete e accettate la proposta? Oppure andate a cercarvi un dentista e vi fate curare il dente malato da uno specialista? Se finanziariamente entrate in una fase di acuta sofferenza, andate a cercarvi personalmente un finanziatore o acetate l’aiuto dal primo che capita? Non sempre è il rimedio la cura desiderata, spesso rivolgersi al consulente diventa la scocciatura aggiuntiva, perché servono quattrini e voi che fuggite dal contesto italiano perennemente in crisi, di quattrini ne volete spendere il meno possibile. Perché spesso voi non siete malati, i vostri conti sono ancora buoni, ma soffrite troppo la crisi, le tasse, le imposte, i balzelli, la benzina che aumenta, tutto che prende una china decisamente irta e in salita; vi immaginate dove sarete dopo sei mesi, dove vi avrà trascinato la crisi dopo un anno e vedete la vostra situazione finanziaria peggiorare terribilmente, come quel dente che all'inizio era solo un fastidio, poi diventato un dolorino, infine un dolore impossibile da gestire. 

Ecco che voi guardate avanti e cosa vedete? Solo sacrifici e sofferenza, la perdita di privilegi piccoli e grandi, vi vedete in crisi non solo finanziaria ma anche familiare, perché vostra moglie vi considererà un potenziale fallito, immaginate terrorizzati i figli che vi scaricheranno perché non potranno più frequentare l'ambiente sociale nel quale sono vissuti fino a quel momento e allora cercate subito la soluzione che possa sembrare di minore impatto possibile. 

Trasferirsi! Andare via, cambiare aria, cercare un’alternativa valida che vi permetta di mantenere il Vostro status sociale a prezzi decisamente inferiori.

Non importa dove, cioè importa, ma questa scelta voi l'avete già fatta, nel tempo, da tempo, avete rimandato sempre perché tutto sommato a casa vostra stavate da dio, tutto era perfetto, le piccole abitudini, la mamma, la famiglia, la scuola dei figli a due passi da casa, il droghiere e il panettiere che vi facevano credito, il supermercato preferito a due passi, il cinema la domenica e la partita della vostra squadra  e la vostra azienda, piccola o grande che sia che funziona, che produce. Quando l'azienda, ma potrebbe anche essere il vostro posto di lavoro da dipendente o quadro ma anche dirigente, incomincia a mostrare il fianco ai problemi, ecco che vi sovviene quella cittadina su quell'isoletta incantevole dove avete trascorso vacanze di sogno. 

Poco male se non si tratta di un'isoletta, potrebbe anche essere una penisola, una città esotica lontana, un luogo di una incantevole bellezza oppure no, che a voi sembra il paradiso se confrontato con la vostra attualità. Ecco che a quel punto il sogno di una vita può diventare realtà, e qui, solo qui perché voi, per risparmiare, vi affidate al “fai-da-te” nascono i problemi, qui cadiamo nelle truffe.  

L'italiano e' un evasore nato, gli italiani posseggono nel loro DNA un enzina che si chiama "evadere è bello". Ecco che il concetto dell'evasione viene applicato nel momento stesso che l'italiano decida di espatriare, di cambiare aria, di costruirsi un'esistenza migliore in un altro, più o meno incantevole luogo dove, egli crede e si illude, potrà continuare a godere di quei piccoli piaceri che la vita ha saputo offrirgli fino a quel momento. Badate che non parlo solo di gente benestante, parlo di tutti, ognuno sta bene con quello che ha, piccolo o grande capitale, piccole o grandi soddisfazioni, una vita di risparmi o sacrifici, una vita di privazioni o grandi disponibilità, una eredità imprevista e aggiungiamoci una vincita al superenalotto o lotteria che possa catapultare il fortunato verso altri lidi, meno ingordi ma goduriosi. Del resto si vive una sola volta, perché mai viverla male, meglio assicurarci il posto migliore e in prima fila, alla faccia del signor Visco o Saccomanni.

Tutto ha un inizio, tutto ha una fine diceva un tale. La fine riguarda quella dei sogni, sempre la fine potrebbe essere una bella vita, ancora uno status tale per cui si vive sopra alle righe pur possedeno meno di niente. L'inizio si pone sempre dopo la fine di cui sopra, mentre dovrebbe essere il contrario ma, si sa, l'italiano tende a controvertire i fatti e le regole per cui per poter avere inizio un'avventura deve concludersene un'altra, poco importa se la seconda è un buio a poker, l'importante che la prima non sia stata un vero successo.

L'inizio della fine, o meglio, la promessa di un luminoso inizio l'abbiamo quando si comincia a desiderare d'andar via. Quando ci si rende conto che i panni dimessi dell'italiano in gramaglie nel proprio paese non vi si addicono, quando i sacrifici superano una soglia immaginaria di sofferenza che voi avete tracciato quasi che fosse una linea gialla da non superare. Ecco che quando la superate allora vi accingete a fuggire e, purtroppo e spesso, lo fate buttandovi nelle braccia, aperte a 180 gradi, del truffatore.

Solo che voi non indovinate che lo sia, pensate al buon samaritano, all'italiano che si è fatto da solo in un esotica meta, e si offre di condividere con voi le proprie esperienze di successo, in pratica diventa come quell'individuo che si offre di ripararvi il dente malato usando attrezzi da meccanico. Solo che voi in quel preciso momento avete perso ogni cognizione, non dubitate nemmeno per un momento in quali braccia vi state gettando anima e corpo e portafoglio, non immaginate in quale inferno siete capitati. A voi sembra tutto bello, onesto, accettabile interessante e perfino a buon mercato. A voi sembra di aver trovato l'America dei film di cassetta, dei cartelloni pubblicitari invece, se guardate dietro quei cartelloni potreste scoprire di essere capitati in un set di film sul sogno americano, cinese, thailandese, spagnolo o portoghese, insomma in un set di un film organizzato solo per voi che presto, molto presto si approprierà di tutti i vostri averi lasciandovi in mutande e peggio di prima.

In genere il primo approccio dell'aspirante emigrante è su internet. Si inizia cercando informazioni che riguardano quella particolare meta turistica visitata magari anni prima che vi aveva incantato. Sul web è pieno, complice la crisi, di siti che promettono di aiutarvi a trovare le informazioni di cui avete necessità. Partendo dai forum dove esperti decantano le virtù di questo o quel paese o la convenienza a rivolgervi a questa o quella agenzia. Ignoti benefattori che potreste ringraziare, dimenticando che alcuni sono realmente tali e altri sono solo i truffatori che vestono gli abiti dei miracolati e vi decantano le virtù di questo o quel sito, di un Angelo buono o di un Roberto dal cuore d'oro, di un Michele altruista o di un Giovanni pezzo di pane e voi che fate?

Avete presente la mela di Darwin?

Pensate di esser dei predestinati, invece le sorprese si nascondono spesso dietro apparenti ingenuità. Le truffe sono sempre accompagnate dalla vergogna. Così come un alcolista ammettendo la propria dipendenza dall’alcol contribuisce alla propria guarigione, una persona che ha attraversato un'esperienza truffaldina dovrebbe essere sempre in grado di ammettere come si è trovata in quella situazione. Di essersi esposta a una truffa, convinta dalla necessità, ma io la chiamerei consapevolezza, del voler intenzionalmente gabbare il fisco, per sentirsi migliori di altri, per vincere dove altri perdono. E invece va sempre a finire che si perdono quattrini e credibilità. 

Ho parlato e pontificato, adesso mettiamo nero su bianco, chi, come, dove, quando e perché si e' reso responsabile di truffe piu' meno gravi?

Le mete preferite degli italiani sono sempre le stesse, da decenni ormai, tralasciamo quelle classiche, intendo dire dove si va per cercare un lavoro, per rifarsi una vita insieme alla famiglia, quelle dove non occorre o non occorreva avere da parte il gruzzoletto ma una sana voglia di darsi da fare. tralasciamo quindi l'Europa (escluso le piccolo isole) e gli Stati Uniti a cui aggiungiamo il Canada e l'Australia, in questa analisi mi sentirei di tralasciare le grandi destinazioni del passato quali Argentina e Venezuela ma anche Uruguay dove si contano più italiani che indigeni, potrei aggiungere anche il Brasile che in un lontano passato ha richiamato moltissimi italiani e che, dopo un periodo di tranquillità, ha ripreso a ammaliare i nostri concittadini, anche merito del clamoroso sviluppo del paese in mano a sapienti amministratori.

Adesso vorrei parlarvi di mete a portata di mano di molti, anche di chi ha poco da investire, molto da godere e un bagaglio infinito di sogni, e i sogni, si sa, si avverano spesso per chi ha piccole pretese, un posticino al sole, piccolo e sereno per arrivare con dignità alla fine della vita senza doversi pentire di essere nati, quasi che fosse una colpa. Parliamo di quei paradisi perduti (ma nemmeno tanto) in alcune isole caraibiche, delle Baleari, delle Canarie a cui aggiungerei la Seychelles, la Thailandia, la Malaysia e Sri Lanka, il Madagascar e Mozambico, il Kenya e la Tanzania e in ultima analisi anche qualcuno di quegli staterelli centro americani il cui sistema impositivo è decisamente blando, inestistente.

Cominciamo con le due mete più gettonate :

Le Canarie

Moltissimi sono gli italiani che si sono trasferiti negli anni anche recenti nelle Isole Canarie. Molti i vantaggi, un clima favoloso, una eterna primavera. Cielo sempre terso e luminoso. I vantaggi superano di gran lunga gli svantaggi. Gli italiani che si sono stabiliti nell'arcipelago spagnolo antecrisi hanno saputo organizzarsi con spirito imprenditoriale. Molti di loro sono rimasti a riprova che i nostri concittadini hanno ben sviluppato il senso degli affari e, come tanti Marco Polo, hanno intrapreso lucrose attività anche attraverso scambi con l'Italia. Del resto le Isole Canarie sono meta turistica molto gettonata anche in Italia, logico quindi far trovare al turista gli alimenti preferiti a cui, pare, l'italico abitante non sa rinunciare.
E i furbi? Ecco, i furbi esistono anche alle Canarie, certo la maggioranza lavora onestamente, tuttavia c'è sempre qualcuno che ne approfitta e le dita di una mano non bastano per contarli.

Lo scorso anno vi ho raccontato la storia di un famoso, ormai ne hanno parlato anche alla TV, sito che vendeva prevalentemente "pacchi" agli ignari Robinson Crusoe dello stivale. Eh si, perché i "pacchi" lui li vendeva (e li vende ancora nonstante la pubblicità derivatagli da un servizio su Rete4, solo ai concittadini. Innanzitutto il nome. Si presenta come PA ma noi sappiamo non sia il vero nome, pubblica le foto di una famiglia felice sul suo sito ma, ahimé, nemmeno quella è reale, si auto pubblicizza sul web assumendo di volta in volta nomi e sembianze differenti ma lo stile è sempre lo stesso, lo riconoscereste anche al buio.

Recentemente, mi dicono, annusando aria grama ha trovato un collaboratore totalmente all'oscuro dei suoi raggiri e traffici, capirete che un ex-giocatore professionista di poker, di trucchi ne deve conoscere molti. Così, zitto zitto, ha scaricato sul ragazzo le responsabilità e forse le colpe di una gestione non proprio cristallina, insomma ha passato il cerino nelle mani di un "anodo sacrificale" di modo da tirarsi fuori dalla mischia e affibbiare le colpe all’ignaro socio. 

Ma i nodi arrivano al pettine, e così dopo altri clienti raggirati e decine di denunce alle autorità ecco che il nostro PA preferisce cambiare aria, per sbarcare in altra localita' e altra isola delle fide Canarie e vivere di rendita, alla grande. Chissà da chi sta fuggendo verrebbe da chiedersi... forse Equitalia? Oppure anche lui da una truffa finite male? Oppure i creditori di un passato non troppo lontano lo cercano per fargli pagare il conto? Che ci sia di mezzo una seduta dal barbiere come abbiamo visto e stravisto al cinema, sempre al cinema, dove nei film di mafia morivano i boss mentre si facevano rasare? sul suo sito egli si presenta con il seguente messaggio, come non sospettare? Solo gli ingenui possono abboccare:


Sono un architetto (NdR: Non e' un architetto, alla redazione risulta non abbia titoli) che, per il bene della propria famiglia, ha deciso di chiudere la propria societa’ ITALIANA prima che lo stato (NdR: Lo Stato o la "Famigghia"???) consumasse definitivamente anche gli ultimi risparmi di una vita di lavoro e sacrivici. (NdR: la societa' italiana era una sala giochi)
Onestamente pero’ il TRASFERIMENTO IN CANARIA non mi e’ stato facilissimo; Nel tentativo invano di trovare supporto ed aiuto da parte di coloro che gia’ risiedevano in CANARIA mi sono invece ritrovato in balia di “ SQUALI ” e personaggi senza NESSUN RISPETTO PER LA FAMIGLIA che in cambio di denaro approfittando delle debolezze delle famiglie come la mia, pronta a scappare pur di salvare la propria realta’ e la propria economia, si ritrovavano a credere nella serieta’ di queste persone, cosi’ oltre che costarmi piu’ di 1000 euro il ” supporto in loco “, mi sono ritrovato in una realta’ che mi accorgevo di non conoscere, differente da tutto cio’ che veniva spiegato e raccontato nei BLOG, senza amici e senza contatti. Proprio per questo metto a disposizione la mia esperienza, i miei contatti .. le mie certezze; cercando di offrirvi piu’ possibili soluzioni. Non esitate a contattarmi per qualsiasi domanda e spero anche il mio blog vi metta in contatto tra di voi , magari offrendovi l’ un l’ altro una mano ( cosa che alla mia famiglia non è successa ).
Per essere chiaro , onesto e “NON SQUALO ” voglio precisare una cosa:
tutte le informazioni che vi offro sono totalmente gratis.

Le consuetudini commerciali dicono che più si tenti di allontanare i sospetti con messaggi che accusano la concorrenza e più l'imbroglio è possibile. Il nostro caro angelo vuole allontanare da se i sospetti elencando le colpe degli altri, dimenticando forse, che in tale modo attirerà solo gli ingenui, chi ha sale in zucca si terrà ben distante da certe promesse da coccodrillo, del resto i politici italiani non fanno altro e sappiamo come sempre va a finire!

Per corroborare quanto asserito riporto quello che leggevo su un sito italiano di una coppia, trasferita alle Canarie per fuggire alla crisi e ritrovatasi in mezzo a una marea di connazionali quasi da sembrar di essere a Rimini invece che a Fuerteventura. Leggiamo insieme le frasi salienti di questa intervista e, fra le righe cercate di comprendere quello che viene detto:


“Prima di venir a vivere qui avevo letto blog di italiani espatriati anni prima e tra stupore e compiacimento, leggevo di famiglie finalmente felici, scappate dalla madre patria che ormai non offriva più niente se non un governo corrotto e troppe tasse. Poi una volta venuta qui ed ho vissuto l’isola mi sono resa conto sulla mia pelle che non è tutto oro quello che luccica! .... Io sinceramente credo di essere ancora in Italia e di aver cambiato solamente regione, una splendida regione non c’è dubbio! Il brutto purtroppo è che una buona percentuale degli italiani che vivono qui, non l’hanno fatto per scelta ma sono stati spinti da debiti, Equitalia alle calcagne o sono semplicemente fuggiti dopo l’ennesima truffa ai danni di qualcuno. La cosa peggiore è che non vengono per ricominciare una nuova vita e ripartire onestamente, ma continuano a fare truffe anche qui, spesso e volentieri a spese di altri italiani ignari o novelli.
Gli italiani a Fuerteventura sono quelli che ti affittano case e locali non loro, che aprono un’attività e dopo 5 giorni la mettono in vendita a 50mila euro di gestione. Sono quelli che prima di andarsene dalla casa dove erano in affitto, oltre a non aver pagato le ultime mensilità, si vendono i mobili non loro! Questa purtroppo è la dura realtà. In mezzo a questi c’è gente onesta, venuta qui con la migliore delle intenzioni, per fare un’esperienza nuova, per cambiare e non solo per non farsi spulciare dalle tasse..... Poi dopo alcuni mesi finalmente abbiamo incontrato la persona giusta e si era pronti a partire! Aspettavamo da tempo quel famoso venerdì e una volta entrati dal primo cliente, dopo avergli spiegato il nostro progetto ci siamo sentiti dire: "Bellissima idea, mi piace proprio, è un’innovazione qui ma, mi dispiace io con gli Italiani non voglio più niente a che fare, mi hanno già fregato diverse volte e ho chiuso". Poi il secondo cliente idem e il terzo, e il quarto. È stata una delusione pazzesca, una coltellata in pieno petto!.... Questa è  la nostra storia, la verità nuda e cruda. Le persone che vivono qui e non vogliono far credere al ‘Paradiso’ converranno con me. Prima di partire mi ero iscritta a molti gruppi facebook e mi trovavo spesso a litigare con gente che alle domande degli speranzosi che volevano venire a provare come si vivesse alle Canarie, rispondevano: "Non venite, è uno schifo, il lavoro non c’è e la disoccupazione è alle stelle". Non voglio rubare i sogni a qualcun altro ma quello che dico sempre io è: i problemi ci sono anche qua, il primo tra tutti, manca la serietà delle persone, la professionalità e la voglia di lavorare. Però se hai qualche soldo da parte da investire, non sulla prima cosa che ti presentano, vieni e prova sulla tua pelle. Studia bene le persone di cui ti circondi perchè una percentuale molto alta è pronta a fregarti. Vieni, prova il tuo sogno, almeno potrai sempre dire di averci provato!"











Occhio alla truffa!

Le Baleari

L'altra metà del cielo che aveva deciso di rimanere in Europa, decide probabilmente per le Baleari. Chi non conosce Ibiza, l'isola bianca con Formentera meta preferita dal jet set, vale  dire chi poi conta veramente al mondo, calciatori e starlette in primo piano? E che dire di Maiorca, opulenza ricchezza per attempati turisti armati di portafogli a fisarmonica con scorta armata al seguito e un codazzo di servitù? Rimane Minorca, la meno conosciuta dell'arcipelago, la più spontanea, quella dove gli italiani che vogliono lavorare seriamente preferiscono risiedere.

Tutto bene dunque? 

Nemmeno un po'. Nelle Baleari si replica, con minore impatto, le stesse situazioni già osservate nelle Canarie. Minore perché in definitiva chi le abita tutto l'anno non sono solo gli italiani, oltre agli spagnoli beninteso, ma anche i tedeschi, in prevalenza, anche loro fuggiti da tasse esose, quelle che frau Merkel vorrebbe appioppare a noi italici, ma anche da cavillosi sistemi finanziari o dagli stipendi che scendono vertiginosamente invece di salire. Gli italiani onesti sono presenti, alcuni hanno creato un piccolo impero basato sul lavoro duro, sacrifici e nel tempo sono riusciti dove altri hanno fallito. Anche loro sono costretti a combattere contro i fantasmi dei furbi italiani, quelli che hanno fregato praticamente tutti, quelli che venderebbero anche la madre al maggior offerente.

Nelle Baleari va di moda la vendita degli immobili, meglio se in multiproprietà, meglio se in residence famosi. I furbi, i truffatori hanno l'apparenza di uomini d'affari, sono sagaci, voraci, preparati. Riescono a produrre un'infinità di documentazione che fregherebbe anche il più arguto degli acquirenti. Inutile dire che quando il colpo va in scena, loro sono già spariti col malloppo un attimo prima che il truffato si accorge di esser stato truffato.












Occhio alla truffa!
  
(continua...)


Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento