<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/03/22

Pericolo Offerte di Lavoro - Danger Jobs Scam


PERICOLO OFFERTA DI LAVORO TRUFFA
L’idea di questo articolo nasce da una lettera che un amico ha ricevuto qualche mese fa prima delle festività natalizie. Il motivo dell’articolo non può che essere evidente, sono troppe le offerte di lavoro che ci arrivano per email che si rivelano essere delle vere e proprie truffe. Il fine, sappiatelo, è sempre lo stesso: intascare illecitamente denaro, piccoli importi, mai oltre ai duecento euro, raramente e per casi eclatanti si arriva a trecento. Immaginate quei trecento per il centinaio di allocchi che abboccano e potete capire quanto conti questo fenomeno per chi organizza le truffe. Poi il truffato raramente ammette, spesso per vergogna, di esser stato truffato e il gioco continua. Immaginate quanti sono quelli che cadono nel tranello, a volte anche subdolo perché l’offerta arriva a chi un lavoro non l’ha e magari lo cerca disperatamente da mesi, e sono molti quelli che sono disposti anche a pagare piccoli importi pur di averne uno e poter continuare a sperare, perché lavoro significa sopravvivere. Che saranno mai duecento euro si dicono in molti, se questo rappresenta uno stipendio fisso di mille, duemila e più euro al mese? E qui il gioco perverso, duecento euro a persona, considerando quanti sono quelli che ingenuamente ci cascano fanno molte miglia di euro al mese che sono illegamente incassati dal truffatore di turno, organizzazione o illusionista che sia.

Veniamo dunque alla lettera del mio amico che è in inglese, a una prima lettura sembrava ben fatta, così bene che quando lui me la inviò per un commento gli dissi di accettare al volo l’offerta, sembrava veramente una grande occasione. Subito dopo, rileggendola, sorse un dubbio, parti del testo erano scritte in rosso, molto strano per una lettera di lavoro, sembrava quasi volessero attirare l’attenzione su specifici paragrafi, alcuni innocenti istruzioni generiche un altro, e solo quello, per evidenziare che, se si voleva accedere all’offerta di lavoro, bisognava pagare. Controllando meglio scoprii che il logo del proponente sembrava realizzato con un semplice copia e incolla e nemmeno di buona qualità. Insomma una struttura professionale che non possiede carta da lettera intestata in forma elettronica? Scorrendo il testo, ripeto molto ben concepito da sembrare realistico, scopro che si richiedono anticipazioni in denaro per ottenere il NERF (mai sentito prima) che il proponente (apparentemente a nome di un noto hotel londinese a cinque stelle) giustifica come un codice di registrazione per nuovi assunti. Tutta la lettera ruota attorno a questo “fee” (tassa) che riassume in poche parole, anzi in una sola, tutta la ‘fatica’ della lettera stessa. Tu paghi io godo e ti fotto.

Evidente che non c’era alcuna offerta di questo albergo (uno dei migliori della capitale inglese). Per essere certo ho inviato la lettera all’ufficio personale ricevendo un adeguato e gentile messaggio di risposta che sostanzialmente negava ogni coinvolgimento, lo sapevo, volevo solo una conferma.

GUARDATEVI DALLE OFFERTE DI LAVORO TRUFFA



L’attuale condizione del mercato del lavoro in Italia non sta certamente aiutando coloro che hanno la necessità di trovare un’occupazione seria e rapidamente, il problema riguarda anche la cattiva gestione imprenditoriale del mondo del lavoro, lo sfruttamento attuato e la politica inacettabile degli stipendi troppo bassi rispetto al resto d’Europa, quasi da terzomondo nel quale l’Italia viene ormai collocata, a livello della peggiore repubblica delle banane. In queste condizioni di precarietà diffusa molte persone finiscono per cadere nel tranello delle offerte di lavoro allettanti solo all’apparenza, nella realtà inesistenti, un vero incubo. Una quantità di falsi annunci di lavoro che sta aumentando in maniera preoccupante. Tutti ne parlano, su molti forum compaiono storie che raccontano di offerte di lavoro rivelatesi ingannevoli o truffaldine, evidentemente false a partire dallo stesso annuncio che seppur ben congeniato dovrebbe essere chiaro fin da subito a chi lo riceve. Eppure...

Eppure abboccano ancora in molti, troppi.

Dobbiamo chiederci per quale motivo questo genere di offerte trovino tanto spazio sul web per quale motivo continuano a proliferare questi annunci truffa capaci di raggirare la gente con evidenti necessità di lavorare, magari da casa o sul web. Proprio il web offre molte possibilità, tuttavia non bisogna dimenticarsi che la mancanza del contatto fisico fra chi offre il lavoro e chi ha il lavoro porta a questo tipo di situazioni in quanto non esiste un contatto fisico fra chi offre e chi riceve. Una volta si veniva chiamati dalla società che offriva il posto di lavoro, ci si rendeva conto della reale (ma anche apparente) consistenza del proponente, e poi si effettuavano delle scelte.


Oggi invece succede che si viene contattati per telefono o email, per via elettronica ti arriva tutto, l’offerta, il contratto, il biglietto aereo o del treno, il visto sul passaporto. Alla fine rischi di non incontrare mai il tuo datore di lavoro se questo risiede in un paese diverso da quello dove andrai a lavorare.

Non si può più accettare o prendere per buono tutto uello che si riceve, servono accorgimenti per identificare con certezza gli annunci farlocchi, truffaldini, che si presentano bene, con titoli accattivanti e nascondono lavori malpagati quando c’è un lavoro.

Se pensate che l'offerta che avete ricevuto sia falsa, una truffa, piuttosto che rimanere nel dubbio, inviatela all'azienda a cui si riferisce, in genere rispondono subito per informarvi della grande sfortuna in cui incorsi. Esiste un sito del consolato onorario in Cameroun che smaschera le offerte di lavoro che provengono dall'area africana, questo il link: Ambasciata Italia Cameroun
Verificate anche li se la vostra offerta rientra fra quelle truffaldine, farlocche! 
Altri links utili:
Servizio antibufala
Scam warners 
 

Ecco allora qualche suggerimento pratico per stabilire la veridicità o meno di annunci ed offerte.

In Italia o comunque nel vostro Paese di residenza

Diffidate delle aziende che non indicano ragione sociale e IVA: denotano scarsa serietà e non vi offrono la possibilità di effettuare ricerche online, nel Registro Imprese della Camera di Commercio sul sito dell’Agenzia dell’Entrate. Inoltre, attraverso la chiave di ricerca “nome azienda + truffa” potete verificare se la società in questione abbia già un passato di dispensatrice di fregature.

Falsi annunci e false promesse.

Le offerte a nome di aziende che chiedono contributi economici o rimborsi a priori probabilmente non hanno intenzione di offrirvi un lavoro (è la ditta che offre e paga, non viceversa).
Non acquistate alcun kit di prodotti dimostrativi ”indispensabili” per avviare l’attività richiesta.
Diffidate da coloro che vi chiedono di compilare form generici con dati personali, indirizzi email e recapiti telefonici, con la promessa che verrete ricontattati. Spesso si tratta solamente di catene di Sant’Antonio, Multilevel o cose simili.

Le realtà affidabili non nascondono nulla e descrivono da subito in cosa consiste il lavoro presentato, quali sono i requisiti e il probabile compenso anche se, come nel caso del mio amico era proprio perfetta, c’era tutto, anche lo stipendio, peccato che fosse una truffa. In genere le aziende serie pubblicano i loro annunci su portali di reclutamento a pagamento per loro o si affidano a agenzie anche queste serie o che hanno dimostrato di esserlo.

Le aziende serie vi fanno leggere e firmare un contratto prima di iniziare qualsiasi sorta di attività.
Diffidate di chi vi promette guadagni facili e vi rimanda a siti colmi di informazioni sul “lavoro da casa”.
Può capitare che qualche azienda si faccia pagare per corsi o training di avviamento al lavoro. E’ molto raro, ma in questa eventualità il costo verrebbe detratto dal primo stipendio e non dovreste essere voi ad anticipare dei soldi. Una società che vi offre un’occupazione (in ufficio o da casa), certamente vorrà prima vedere il vostro curriculum vitae e le vostre referenze, oppure un portfolio con alcuni esempi dei vostri lavori passati.

Assolutamente non inviate mai alcun pagamento o rimborso in denaro a priori. Mai!

E se avete avuto esperienze di lavoro negative oppure conoscete altri accorgimenti da adottare in situazioni simili, raccontate la vistra esperienza su facebook, sul blog, in tutti i siti che parlano di offerte di lavoro false, truffaldine. Aiutate la vostra coscienza e voi stessi a metabolizzare la fregatura subita.

Un esempio fra tanti:

Buonasera!



Internet sondaggi hanno mosrtato che maggioranza abitanti di Suo regione Non e soddisfatta del reddito settimanale.

Le invitiamo a lavorare un`po in florido mercato della` pubblicita` on-line.

Se ha a giorno per collocare 1-2 ore in annunci pubblicitari internet.

Lei guadagnera su questo il pagamento garantito piu` percentuali di vendite.

Quando ricevete questo tipo di proposte di Lavoro cestinatele subito e non rispondete assolutamente!

La truffa in rete si arricchisce di una nuova figura professionale, se c’è chi svuota il conto bancario online, ora c’è l’intermediario che mette a disposizione il proprio conto per lavare e far sparire il danaro. Il fenomeno del cosiddetto phishing è quello che oramai impazza nelle email di tutti i giorni. Ti chiedono i dati del tuo conto online, compresa password per entrarvi, spacciandosi per la tua banca. E poiché non si sa quale sia la banca dove hai i tuoi soldi, le e-mail sparano nel mucchio con tutti i più importanti istituti bancari.  

Persino il famoso sito delle compravendite online eBay è nel mirino dei truffatori per non parlare di Paypal. Sperando che tu sia un venditore online, ti arrivano delle e-mail di persone incavolate perché non hai proceduto ad inviare la merce per cui ti si chiede la password per entrare nella tua personale home page della compra-vendita. L’obiettivo è quello di usare i tuoi parametri per vendere il "nulla" a poveri sfortunati. Una truffa nella truffa.

Ma il giro si fa più importante perché arrivano false offerte di lavoro. E’ quello che è capitato a una signora disperata dopo aver accettato una di queste “offerte di lavoro” ed averci rimesso circa € 10.000 e anche una denuncia.

E sì, perché coloro che sono riusciti a svuotare il conto ad ignari malcapitati, cercano ignari assistenti online che mettano a disposizione il proprio conto corrente su cui far transitare i soldi delle truffe da convogliare su quello di altri amministratori online anche tramite trasferimento contanti (wester union ecc) che creano dei conti correnti vergini (a zero) per ricevere i pagamenti e fare a loro volta bonifici. La signora è stata avvertita dalla sua Banca che quelle operazioni potevano essere sospette e la signora ha sporto denuncia alla Polizia Postale e dietro loro consiglio ha bonificato rendendo indietro i soldi ricevuti agli ignari correntisti. La signora, anche se in buona fede, si è trovata con una denuncia penale.

Carrellata delle truffe più frequenti sul web


Per riconoscere una frode sul web bisogna capire come funziona e come si presenta, tenendo presente che ognuna "sfrutta" i punti deboli degli utenti gabbati (bisogno di soldi, necessità di trovare un lavoro, voglia di cambiare vita e così via).

Ecco la top 10 delle truffe online più diffuse


Agevolazione nella ricerca di lavoro

La truffa consiste nel proporre un impiego su misura con frasi del tipo: "Il lavoro perfetto per te ti sta aspettando. Noi ti aiutiamo a ottenerlo". Così, le vittime sono spinte a pagare delle cifre, a volte piuttosto alte, per avere accesso al posto di lavoro sognato. Che poi, naturalmente, non arriva. Oppure, per essere messi in lista d'attesa per il lavoro richiesto, ai malcapitati viene domandato di fornire i propri dati bancari con il pretesto della raccolta delle informazioni personali necessarie all'assunzione.

Servizi per ridurre i debiti

I truffatori si propongono come persone in grado di aiutarvi a cancellare o a ridurre i vostri debiti. In cambio di una percentuale di quello che dovete alle banche o in genere ai vostri creditori, promettono di estinguere o rinegoziare gli obblighi finanziari che avete contratto. Il risultato? I consumatori gabbati si trovano ad avere debiti più elevati rispetto a quelli di partenza.

Lavoro da casa

In questo caso, il raggiro punta a convincere le vittime che lavorando da casa si possono avere guadagni migliori che in ufficio. I criminali propongono, sotto pagamento, di insegnare i segreti per fare soldi online acquistando prodotti da rivendere a prezzo più alto oppure invitano a diventare un acquirente "fantasma", pagato per testare la qualità delle merci e dei servizi delle aziende. I bersagli di queste truffe sono gli impiegati stanchi del lavoro d'ufficio: in molti casi, senza saperlo, diventano dei mediatori per la rivendita di beni rubati. In altre parole, ricettatori. Alla fine, anziché guadagnare denaro, si finisce con il perdere migliaia di euro in azioni legali contro i delinquenti.

Intermediazioni immobiliari


Avete bisogno di vendere la vostra casa al mare ma non avete il tempo per farlo? Affidatevi a noi e in cambio di piccole commissioni porterete a termine la vendita con successo e in poco tempo. Con slogan del genere, i frodatori che si fingono agenti immobiliari riescono a raccogliere migliaia di euro in commissioni e poi, nel momento in cui le compagnie truffaldine devono vendere gli immobili scompaiono con il bottino. E le case restano invendute.

Offerte di prova gratuite (ma non troppo)

Uno degli inganni online più diffusi. Nelle mail, sono presenti inviti a provare gratuitamente dei prodotti o dei servizi. Il pagamento degli stessi beni offerti avviene solo se si accetta di continuare a usufruire di quanto proposto. Il problema è che anche quando i clienti non vogliono proseguire nell'utilizzo delle merci offerte, i truffatori fanno in modo che diventi quasi impossibile cancellarsi dal meccanismo e, dopo la prima "promozione", continuano a spillare soldi ogni mese.

Riparazioni domestiche

Donne, è arrivato l'arrotino online. Si potrebbe sintetizzare così questo tipo di frode su Internet. Ecco cosa succede: sedicenti aziende che si occupano di fare riparazioni in casa si propongono di fare lavori di tutti i tipi (dall'aggiustare il tetto a tagliare gli alberi) per tariffe dimezzate rispetto a quelle di mercato. L'obiettivo dei truffatori, in questo caso, è quello di ottenere degli anticipi in denaro prima ancora di fare i lavori. Perché, ovviamente, quei lavori non verranno mai effettuati, lasciando i malcapitati con la casa ancora da riparare e il portafogli "più leggero".

Premi già vinti


L'esca in questo tipo di raggiro è semplice: "Hai vinto 5.000 euro. Ecco come fare per intascarli". In pratica, si fa credere alle vittime di essere i vincitori di una lotteria o di un ricco concorso a premi, specificando che l'unico step necessario per passare alla fase della riscossione è quello di pagare le tasse relative alla vincita. Chi cade nella trappola, paga il tributo perché vede che è molto inferiore alla somma promessa. Quella cifra però non arriva mai. Ma nel frattempo la tassa è già stata versata. E l'unico a festeggiare è il truffatore.
 
Prestiti

"Hai bisogno di un prestito? Nessun problema. Noi sappiamo come fartelo avere". Attraverso promesse del genere, i protagonisti di questi raggiri riescono a spillare denaro alle vittime sotto forma di "commissioni per avviare la pratica". E le cifre trafugate possono arrivare anche a migliaia di euro. Come prevedibile, alla fine i prestiti non vengono mai concessi.
Restituzione di piccole somme di denaro

Questa tecnica, meno diffusa di altre, è tra le più raffinate. I truffatori riescono a carpire dati sugli ultimi pagamenti in entrata ricevuti dai bersagli delle loro frodi. A quel punto, fingendosi i soggetti che hanno versato le somme comunicano alle vittime che nella transazione eseguita è stato inviato più denaro rispetto a quello dovuto. E aggiungono: "Siete pregati di restituirci questa piccola quota aggiuntiva che non vi spetta". Trattandosi di importi molto bassi, alcuni consumatori tendono a fidarsi e mandano la cifra richiesta. Non si accorgono, però, che il destinatario di quel denaro non è l'individuo o la società che li ha pagati ma un impostore.

Furto di identità

I delinquenti propongono affari online non chiedendo nessuna somma in denaro ma solo la conferma di alcuni dati. Ovviamente, tra quei dati ci sono anche quelli bancari o le informazioni sensibili (tra cui le password) utili ad aprire linee di credito presso le banche del soggetto truffato o direttamente per rubare soldi. I furti di identità sono quelli che costringono le vittime a passare più tempo nel tentativo di riparare a tutti i danni fatti dai ladri.
Con molta probabilità chi ha perso il lavoro, e chi ne cerca uno, utilizzerà il web per la sua ricerca. I siti che offrono annunci di lavoro gratuiti sono moltissimi e per tutti i tipi. Ma attenti, perché non sempre dietro un'allettante offerta si nasconde un vero affare. 

In questi anni sono aumentati i casi di truffa da “annuncio di lavoro”, ragione che ha indotto i principali portali del settore a stilare un breve vademecum per difendersi.
Ammesso che se da un lato è impossibile controllare ogni singola inserzione dall'altro lato però è possibilissimo imparare a difendersi contro quelle che puzzano di truffa. Diffidare dagli annunci di lavoro incomprensibili: quando non si capisce la mansione da svolgere o chi è l'azienda o l'imprenditore richiedente o manca un qualsiasi riferimento telefonico. È chiaro che molte inserzioni sono veritiere e che forse dietro un'apparente imperfezione si nasconde solo un difetto di comunicazione. 

Ma se ci si imbatte in un “cercasi credit manager o brand manager” sarebbe anche opportuno capire di che lavoro si tratta, quali saranno i compiti da svolgere, e quanto si verrà pagati. Tutti questi vuoti informativi rendono la ricerca di lavoro molto difficile nonostante il web sia nato per semplificare le cose.
Accanto a inserzioni che dicono poco ci sono quelle invece che parlano troppo, come nel caso di annunci con un testo talmente lungo e persuasivo da farlo sembrare una pubblicità più che un'inserzione di lavoro. Aggiungiamoci che sempre più spesso vengono richieste una serie di abilità, oggi definite skill, così generiche da oscurare il messaggio di partenza. 

Cosa vuol dire bella presenza? Richiesta indirizzata soprattutto alle donne. La bellezza è soggettiva, e ha canoni diversi a seconda dell'occhio di chi guarda. Un annuncio che prevede la bella presenza per lavori non di modella o che includa un età massima di 26 anni si presta a essere letto con un bel punto interrogativo, senza contare che è una palese violazione della Costituzione, che vieta discriminazioni in base al sesso o all'età. Per non parlare della famosa frase: “siamo una realtà giovane e dinamica”. Che significato può avere per una persona che ha 50 e passa anni e cerca un impiego la parola “azienda giovane”?


Queste subdole discriminazioni sono un problema molto italiano. Salterellando dall'Italia al Regno Unito, ma anche in paesi orientali, come l'India ad esempio, si notano differenze enormi rispetto ai nostri annunci di lavoro. Sul sito JobServe la retribuzione è segnata a parte e le competenze richieste sono molto chiare e semplici. Nel Bel paese la maggior parte delle inserzioni invece mancano di un'accurata informazione sul tipo di contratto offerto e la retribuzione proposta. Gli esperti del settore invitano a diffidare di pubblicazioni simili. Ma nonostante ciò, e di sottobanco, sconsigliano di chiedere prima quanto verrà pagata la propria professionalità. Quasi a sottolineare quella posizione di forza che le aziende che offrono lavoro hanno sul mercato. Eppure le imprese lamentano di non trovare professionalità adeguatamente competenti. 

E la ricerca continua...

Per finire.
 
Poche cose sono immorali quanto truffare chi è in cerca di lavoro e, bisognoso di uno stipendio e spesso inesperto del mondo dell'occupazione, ripone la propria fiducia in organizzazioni fittizie e senza scrupoli, nate col solo scopo di estorcere denaro ai malcapitati.
Io credo fermamente nel diritto al lavoro. Mi ritengo fortunato di vivere in un'epoca in cui viene riconosciuto a tutti il diritto a lavorare. Nessuno può essere formalmente escluso dal mondo del lavoro per la sua religione, per il colore della sua pelle, per la sua zona di provenienza, perché uomo o perché donna, o perché non iscritto a un partito unico, come avveniva in periodi nefasti della nostra Storia. Nel nostro tempo, probabilmente, consideriamo troppo scontato tutto questo, quando invece non lo è stato per quasi tutta la storia del genere umano. Credo in questo diritto al lavoro. Credo tuttavia che nessun cittadino si possa sentire in diritto di chiedere allo Stato che gli venga dato un posto perché è un suo diritto. Credo che a decidere quali posti di lavoro devono essere occupati, creati o distrutti debba essere il mercato. Un mercato contro i cui fallimenti si può intervenire, e che può essere certo corretto (purché si verifichino costantemente i risultati di tale attività), ma a cui non ci si può sostituire. E sono convinto che non deve vedere come un diritto il suo posto di lavoro un fannullone, o un incapace, o uno che rifiuta di aggiornarsi, o uno che approfitta del suo posto per rubare o commettere qualche crimine.

Il sito lavoratorio.it, in un documento scaricabile liberamente (per leggerlo o scaricarlo cliccate direttamente sul link), lancia delle direttive per individuare nella pila chilometrica delle offerte di lavoro quella imperfetta. Si parte col dire che le inserzioni anonime, ossia quelle dove non compare il nome dell'azienda o chi per lei, vanno già lette con diffidenza. Solo le agenzie di lavoro interinale possono diffondere annunci in anonimato, però in questo caso ne sono direttamente responsabili. Il problema sorge quando ci troviamo di fronte a uno dei tanti portali presenti sul web che raccolgono centinaia di annunci di lavoro.
Opuscolo a disposizione della Polizia di Stato: Occhio ai truffatori

E per finire veramente ricordatevi sempre:

Diffidate dagli annunci che vi offrono cifre ragguardevoli, allettanti, la crisi è ovunque, non solo in italia. Gli stipendi si sono dimezzati all'estero rispetto a pochi anni fa. Le cifre che si potevano guadagnare una volta in paesi come il Qatar o Arabia Saudita oggi sono irraggiungibili. Diffidate se sembra tutto molto semplice e bello, nella realtà non lo è mai, nemmeno quando va tutto a buon fine.
E non fornite MAI a terzi (conosciuti o sconosciuti) i vostri dati bancari via internet, postali o password e numeri per accedere al credito! 

Sotto trovate la copia della lettera ricevuta dal mio amico di cui accenno all'inizio. Da notare il riguadro rosso e la freccia rossa. 
E, a proposito, il logo del Dorcester fu modificato qualche anno fa, probabilmente i truffatori non lo sapevano...
Per visualizzare la fotografia in un formato leggibile cliccateci sopra. 




Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento