<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/08/23

INCUBO PEDOFILIA!

La parola pedofilia deriva dal tema greco παις, 
παιδός (bambino) e φιλία (amicizia, affetto).


Gli eventi di queste ultime settimane, causa periodo estivo, riportano alla ribalta sia casi ricorrenti di pedofilia che di cattiva giustizia.
Cattiva giustizia riferita alla pedofilia, non mi riferisco certamente a un altro eclatante caso del quale tutti i media ne hanno abbondantemente parlato e che non ho nessuna intenzione di commentare.
Il caso è quello di una ragazzina oggi tredicenne. L'incubo è durato tre anni. Una bambina violentata fisicamente e psicologicamente dal vicino di casa, una persona apparentemente fidata, lui e la moglie che, pare, non fosse al corrente delle malefatte del marito. 
La mamma lasciava la figlia all'uomo, inconsapevole di quello che accadeva nell'appartamento. L’orco, mi si conceda il termine anche se la legge dice che non dovrebbe essere così nominato, nonostante sia stato condannato a una pena irrisoria (tre anni di prigione in cambio di una vita rovinata sono nulla) potrà tornare a vivere accanto alla vittima, la Corte d'Appello di Roma ha infatti revocato il divieto di dimora nella casa in al tempo si svolsero i fatti. 
Adesso la famiglia della ragazzina è disperata, ripiomba nell'orrore. La sola presenza dell’uomo, dell’orco, ha provocato un nuovo improvviso e grave peggioramento dello stato emotivo della bambina. 

Ma la legge è legge.

Siamo sicuri che la legge debba essere così? 
Vediamo dunque che succede ai pedofili in alcuni paesi europei e oltre oceano.

USA: negli Stati Uniti il caso della ragazzina tredicenne non sarebbe potuto accadere. No, mai un pedofilo sarebbe stato rimandato a casa nello stesso edificio in cui vive la vittima. C'è un diverso approccio al problema dei reati sessuali, giudiziario, culturale e tecnologico. Negli Stati Uniti la rete è un boomerang per pedofili e maniaci. È diventata un incubo per chi ha già subito condanne definitive per reati sessuali. Una legge federale ha stabilito che l'interesse pubblico è prevalente sulla privacy, quando si tratta di crimini di questo genere. Ecco dunque pubblicate sul web, a cura dei Dipartimenti della giustizia o della Pubblica sicurezza di numerosi Stati, foto e curriculum dei criminali sessuali.
In Florida, Connecticut, Alaska, Arizona, New Jersey, California e in molti altri Stati esistono leggi specifiche molto dure che isolano e mettono all’indice il pedofilo. Arrivando a pubblicare tutti i dati personali inclusa la fotografia. La Florida va oltre, il sito (clicca sul link) Florida Sexual Offenders and Predators è quanto mai esplicito. In questo Stato chiunque lavori con i bambini (in scuole, palestre, asili) deve avere un passato integerrimo. Le autorità hanno il dovere di fornire ai datori di lavoro tutte le informazioni necessarie, anche le più riservate.



In Florida i pedofili in libertà vigilata non possono stare vicino ai luoghi in cui ci sono dei minorenni e sono costretti a vivere sotto ai pilastri di un ponte. la legge “Miami Dade County” infatti obbliga tutti i pedofili di stare lontano almeno 750 metri dalle scuole, parchi, campi da gioco, biblioteche e qualsiasi altro luogo pubblico dove venga segnalata la presenza di minorenni.

CANADA: Nuovi studi condotti in Canada affermano che la pedofilia non è una devianza ma ha radici biologiche, si tratta secondo i ricercatori di un orientamento sessuale non modificabile come l’eterosessualità o l’omosessualità. Purtroppo non esistono leggi specifiche contro i pedofili. La pedofilia viene considerata un attrazione per i bambini in età prepuberale. Nel momento che il pedofilo passa dal semplice desiderio, non punibile, all’azione ecco che allora intervengono le stesse leggi che puniscono i non-pedofili che commettono crimini sessuali contro i bambini. La durezza delle leggi può essere paragonata, in questo caso, a quella degli USA ma molto dipende fra Stato e Stato. Differenze sono notate fra quelli a lingua Inglese o Francese.

FRANCIA: Secondo la legge francese, il termine pedofilia non compare nei regolamenti o codici di diritto e della giustizia: i termini utilizzati per descrivere il reato di rapporto sessuale tra un grande e un bambino è Violenza Sessuale per un rapporto con il consenso bambino, Aggressione Sessuale o Stupro, quando il consenso del minore non viene riconosciuto o non esiste. Inoltre l’ordinamento legislativo riconosce i reati di corruzione di minori per l'incitamento di un minore in atti sessuali. Le pene possibili vanno da un  minimo di 7 anni di prigione fino a vent’anni con una pena accessoria in denaro di centomila euro. In caso di morte della vittima la reclusione passa a trent’anni. 

GERMANIA: Come nel caso della FRANCIA, anche i teutonici non hanno una legge specifica sulla pedofilia. Nel 2009 vararono una legge a tempo (scaduta nel 2012 e rinnovata in seguito) sulla pedopornografia online con l’intento di fermare i siti web concernenti immagini relative a atti di pornografia infantile: per fermare la pedofilia, insomma, il Parlamento mise a punto una norma che scaricava sugli ISP la responsabilità di filtrare i contenuti sul web sulla base di una specifica indicazione proveniente dalle istituzioni. 

POLONIA:   Dopo un caso di incesto che ha sconvolto l’opinione pubblica, la Polonia ha autorizzato nel 2011 la castrazione chimica obbligatoria per i condannati per pedofilia o per incesto ma il percorso legislativo era iniziato nel 2009. Un Paese all’avanguardia in Europa come affermato dal ministro della giustizia polacco Andrzej Czuma. Per quanto riguarda la non tolleranza della pedofilia e di questi crimini contro i bambini la Polonia infatti può essere considerata precursore. Alcuni paesi europei, come la Gran Bretagna, la Svezia, la Danimarca, o, in America, il Canada e alcuni stati degli Stati Uniti, propongono lo stesso tipo di terapia ai criminali sessuali, ma su base volontaria. La Polonia è il primo paese a imporlo per legge.

Quali sono le armi in nostro possesso?

Poche in verità e molto spuntate. La domanda di materiali a contenuti pedopornografici risulta essere a livelli alti in prevalenza nei Paesi che aderiscono al G8, il che significa anche paesi industrializzati, sviluppati, i principali fruitori e clienti di questo mercato dell'infanzia risiedono quasi tutti in quei paesi con pochissime eccezioni. Esistono casi sconcertanti come quello secondo il quale il Regno Unito, la Francia, l'Italia e in particolare la Germania che, pur sfiorando appena il 4% di audience in internet, assorbe il 19% della domanda pedofila. Viene fuori il ritratto di un Vecchio Continente che si riconferma punto di origine di questi abnormi crimini. Perché diventa inutilie sbandierare ragioni inverosimili per continuare a proteggere le lobbies di pedofili e pedopornografi, i genitori di quelle piccole vittime non ci stanno e vogliono giustizia, vendetta, esposizione al pubblico ludibrio. 

La legge italiana

Recepita nel 2012 la Convenzione del Consiglio d’Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l’abuso sessuale, siglata a Lanzarote il 25 ottobre 2007 e divenuta legge dello Stato Italiano a Settembre sotto il Governo Monti ci si aspettava una applicazione rigorosa degli articoli in essa contenuti. Invece come purtroppo possiamo vedere ogni giorno, chi viene riconosciuto colpevole dei reati previsti se la cava con pene al minimo richiesto e con multe pecuniarie semplicemente ridicole. Non solo, la legge non prescrive particolari proibizioni o obblighi di dimora e i pedofili possono rientrare nelle stesse abitazioni dove si sono svolti precedentemente gli atti criminosi con buona pace di chi invece ha avuto la vita rovinata e ancora vive con incubi ricorrenti negli stessi stabili. Non è accettabile che la legge italiana possa consentire ai pedofili, dopo pochi mesi di reclusione e a volte nemmeno quelli, di ricominciare a condurre una vita normale e tornare a commettere gli stessi reati.

Il recente caso di Roma rientra in questa casistica. Siamo alla frutta. Anche da noi si vorrebbe fossero applicate rigorose leggi che puniscono e identificano senza ombra di dubbio i malati, deviati, criminali che abusano dei nostri figli. Come negli Stati Uniti dove sono in vigore leggi severissime per punirli; oltre alle lunghe detenzioni previste, quando escono di prigione devono sottostare a limitazioni della libertà personale per evitare che possano commettere nuovamente abusi. Devono indossare il "braccialetto elettronico" i pedofili in libertà vigilata (a cui hanno diritto dopo 12-16 anni di reclusione) devono stare ad almeno 750 metri da qualsiasi luogo che sia frequentato da bambini, costringendoli a vivere in una vera e propria "bidon ville" sotto un ponte di periferia. E non è l'unico caso: le limitazioni imposte in un sobborgo della Georgia hanno costretto i pedofili a trasferirsi addirittura in un bosco. Leggi che partono dal presupposto che "chi ha violentato bambini non può vivere dove vuole". 

Definizione di pedofilo 

Leggo su Wikipedia, e mi si conceda il beneficio di inventario in quanto io non sono un addetto ai lavori e pertanto potrei anche aver considerato corretto un testo che all'origine non è, che in ambito psichiatrico la pedofilia è catalogata nel gruppo delle parafilie, ovvero tra i disturbi del desiderio sessuale, e consiste nella preferenza erotica da parte di un soggetto giunto alla maturità genitale per soggetti che invece non lo sono ancora, cioè in età pre-puberale. Il limite di riferimento di età varia da persona a persona (poiché ogni individuo raggiunge la maturità sessuale in tempi diversi), ma oscilla generalmente tra gli 11 e 13 anni.

Nell'accezione comune, al di fuori dall'ambito psichiatrico, talvolta il termine pedofilia si discosta dal significato letterale e viene utilizzato per indicare quegli individui che commettono violenza attraverso la sessualità su di un bambino, o che commettono reati legati alla pedopornografia. Questo uso del termine è inesatto e può generare confusione. La psichiatria e la criminologia distinguono i pedofili dai child molester (molestatori o persone che abusano di bambini); le due categorie non sono sempre coincidenti.  

La pedofilia è una preferenza sessuale dell'individuo o un disturbo psichico, non un reato. La pedofilia definisce l'orientamento della libido del soggetto, non un comportamento oggettivo. Vi sono soggetti pedofili che non attuano condotte illecite, come si hanno casi di abusi su bambini compiuti da individui non affetti da pedofilia.

Quindi?

Possiamo modificare il sistema? Abbiamo abbastanza assi nella manica per colpire profondamente questo sistema malato che riconosce attenuanti ai pedofili con la sola scusa che si tratta di una devianza sessuale dipendente da una malattia e quindi non un reato?
Possiamo restare impassibili dietro la vita rovinata dei nostri figli in balia di persone sicuramente malate ma libere di agire e colpire i nostri figli?

Dovete sapere che i Paesi del G8 sono l'epicentro del mercato dei bambini. Circa la metà delle vittime del traffico pedofilo mondiale ha meno di 7 anni. Il 77% ne ha meno di 9. Un mercato illegale solo in teoria, ma di fatto libero. Perché è drammaticamente vero che chiunque, in questo preciso momento, a Roma o a Francoforte, a Mosca o Boston, Lisbona o Marsiglia può, con la propria carta di credito, scegliere razza, età, genere di perversione sessuale, tratti somatici della bambina (o del bambino) e acquistare, sicuro dell'assoluta impunità, la propria collezione di foto o il proprio film pedofilo. Anche se in questo caso la legge lo definisce un pedopornografo, cioè un individuo che gode nel vedere fotografie o filmati di minori in abiti discinti (e non solo). In questo caso a essere colpiti e puniti duramente non sarebbero solo i pedopornografi ma chi fornisce loro il necessario materiale, soloro che per soli scopi speculativi, cicuiscono i minori, la maggior parte di essi proviene dalle regioni povere dei paesi dell’est ma anche dal sud est asiatico, dall’europa del sud – ebbene si, anche l’Italia - dal sud e nord America. Stati Uniti, Germania, Russia, Regno Unito, Italia, Francia, Canada e Giappone - il cosiddetto "G8", cioè i Paesi industrializzati, assieme a Spagna e Polonia - rappresentano i tre quarti dei clienti del pedo-business, dell'unico mercato al mondo capace di porsi, senza regole, al di sopra della morale. Tra i Paesi maggiormente coinvolti nel traffico di materiale pedofilo spiccano la Germania, l'Olanda, gli Stati Uniti, Cipro, la Federazione Russa, il Canada, la Cina e il Portogallo.

La pedofilia e la pedopornografia sono uno schifoso traffico dai contorni mondiali, al pari di una organizzazione del commercio potremmo soprannominarla la WPPO World Pedo-Porno Organization e non fa nemmeno ridere...



Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento