<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/02/11

Il Papa si è dimesso!

Il Papa si è dimesso, in cielo non approvano, il fulmine a ciel sereno è caduto ieri sulla cupola di San Pietro inequivocabile segno divino di disapprovazione per il gesto del Sommo Pontefice. Che sventure potranno accadere a questo punto?


"Carissimi Fratelli, vi ho convocati a questo Concistoro non solo per le tre canonizzazioni, ma anche per comunicarvi una decisione di grande importanza per la vita della Chiesa". Comincia così il testo dell'annuncio delle dimissioni di Papa Benedetto XVI, scritto e poi letto, in latino, dallo stesso Pontefice durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto.

"Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio - prosegue il testo - sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l'età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il Ministero di Pietro. Sono ben consapevole che questo Ministero, per la sua essenza spirituale, deve essere compiuto non solo con le opere e con le parole, ma non meno soffrendo e pregando. Tuttavia, nel mondo di oggi, soggetto a rapidi mutamenti e agitato da questioni di grande rilevanza per la vita della fede, per governare la barca di San Pietro e annunciare il Vangelo, è necessario anche il vigore sia del corpo, sia dell'animo, vigore che, negli ultimi mesi, in me è diminuito in modo tale da dover riconoscere la mia incapacità di amministrare bene il ministero a me affidato. Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005, in modo che, dal 28 febbraio 2013, alle ore 20.00, la sede di Roma, la sede di San Pietro, sarà vacante e dovrà essere convocato, da coloro a cui compete, il Conclave per l'elezione del nuovo Sommo Pontefice".
"Carissimi Fratelli - conclude il Papa - vi ringrazio di vero cuore per tutto l'amore e il lavoro con cui avete portato con me il peso del mio ministero, e chiedo perdono per tutti i miei difetti. Ora, affidiamo la Santa Chiesa alla cura del suo Sommo Pastore, Nostro Signore Gesù Cristo, e imploriamo la sua santa Madre Maria, affinché assista con la sua bontà materna i Padri Cardinali nell'eleggere il nuovo Sommo Pontefice. Per quanto mi riguarda, anche in futuro, vorrò servire di tutto cuore, con una vita dedicata alla preghiera, la Santa Chiesa di Dio".

BOLLETTINO N. 0089 - 11.02.2013 3 Dal Vaticano, 10 febbraio 2013 BENEDICTUS.

Come era prevedibile la notizia delle dimissioni del Papa sono rimbalzate sui siti internet di tutti i media in tutto il mondo, queste le principali:

“Pope Benedict resigns citing lack of strength”: The Jerusalem Post
“Sensation im Vatikan: Papst Benedikt XVI. tritt zurück”: Der Spiegel
“Pope Benedict XVI in shock resignation”: Bbc
“Pope Benedict XVI to resign post!: Al Jazeera
“La démission de Benoît XVI”: Le Monde

Nella mia breve vita, breve di fronte alla grandezza dell'universo, breve rispetto all’eterna durata del mondo, ecco io ho vissuto sotto ben sei successori di Pietro il primo Papa per tradizione cristiana colui che raccolse lo scettro da Gesù Cristo e lo portò nel mondo per far conoscere la parola di Dio  Sono nato quando regnava sul trono di Pietro Papa Pio XII, egli fu il Papa criticato per le posizioni assunte durante la Grande Guerra, per non aver saputo difendere con determinazione le sorti degli ebrei, diversi eppure tanto vicini alla cristianità di cui il Papa è il rappresentante supremo. Alla sua morte nel 1959 fu eletto Papa Giovanni XXIII, il Papa buono, quello che ho amato più di tutti. 

Ricordo che quando ero bambino amavo ripetere, facendo anche un po’ di confusione con le date, che il 1963 fu un anno terribile, infatti morirono quattro persone importanti, per tutti e per me: Papa Giovanni XXIII, John Kennedy, Marilyn Monroe e mio nonno Luigi. Probabilmente nella mente di un bimbo di appena dieci anni, associare anche la mitica Marilyn agli altri tre fu un peccato veniale, Marilyn infatti mori l’anno prima. 

Alla morte di Papa Giovanni XXIII sopravvenuta dopo una lunga malattia e sofferta da tutti i fedeli come se fosse quella di un parente stretto, di un padre, di un fratello, arrivò nel 1963 Papa Paolo VI. Di tutti fu il Papa che io ho meno amato, anzi per dirla tutta, quello che più mi ha lasciato indifferente alle sorti della Chiesa. Qualcuno disse che fu una meteora di passaggio nel vasto regno della Chiesa, lessi questo pensiero da qualche parte e da allora lo feci mio. 

Nel 1978 salì al sommo scranno di Pontefice Maximo Papa Giovanni Paolo I, che assunse il nome degli ultimi due rappresentanti di Cristo in terra e diventando di fatto un numero uno dopo molti secoli di secondi, terzi, quinti e sesti e dodicesimi. Peccato, perchè lo stile e l’accorato rivolgersi al popolo in trepidante attesa avevano fatto pensare i fedeli che potesse essere come Giovanni XXIII. Dopo solo 33 giorni invece passò lo scettro a Papa Giovanni Paolo II detto anche il Papa polacco o Papa Wojtila per via del cognome. 

GP2 come affettuosamente lo chiamavo, non attrasse particolarmente le mie simpatie nei primi anni del suo regno, ma si riscattò in seguito, in particolare dopo che tentarono di fargli terminare anzitempo il pontificato. Le sofferenze di quest’uomo chiamato al sommo potere cristiano lo rivalutarono notevolmente ai miei occhi, arrivando a farmi pregare per salvarlo dalla morte che pure se lo portò via nel 2005, anno in cui fu eletto dopo un tribolatissimo conclave l’ultimo Papa Benedetto XV, di nazionalità tedesca, troppe volte indicato come il responsabile di malefatte, si possono chiamare malefatte se perpetrate da vescovi e preti? Ma si diciamolo, perchè alla fine son uomini anche loro; dicevo le malefatte di chi si nascondeva dietro l’abito talare per continuare a abusare dei minori, degli innocenti di cui erano gli aguzzini spietati mentre invece, perchè religiosi, avrebbero dovuto proteggerli. 

Parlo dei preti pedofili e delle pratiche abituali per coprire gli abusi di questi nei confronti dei minori. Parlo delle indagini compiute negli USA riguardo la questione e dello scandalo che ne conseguì e naturalmente degli esisti di questo e della richiesta di perseguire penalmente l’allora ancora Cardinale Ratzinger, stranamente, e a sorpresa diventato Papa proprio nel corso di quell’anno. Infatti venne chiamato dal Tribunale del Texas a rispondere di cospirazione contro la giustizia. L’accusa per il prefetto della Congregazione per la dottrina della fede fu quella di aver coscientemente tenuto nascosti numerosi casi di pedofilia con i documenti da lui approvati e divulgati. Nel mese di aprile dello stesso anno però Joseph Ratzinger venne nominato Papa e chiese di avvalersi, in quanto Capo di Stato, dell’immunità diplomatica. L’allora presidente degli Stati Uniti George Bush gliela concesse, motivando la decisione come una scelta di politica estera. E non dimentichiamoci dell'estensione dello scandalo dei preti pedofili in Irlanda.  Quello degli abusi sessuali su minori, continua a essere uno scandalo che perseguita la Chiesa nel mondo anglosassone da molto tempo. Già da cardinale Ratzinger se ne era occupato, ma quanto successo in Irlanda sotto il suo pontificato può aver influito sul morale del Papa con alcune vittime di abusi che si sono addirittura appellate alla Corte penale internazionale. La tensione tra Dublino e il Vaticano arrivò al punto che l’Irlanda, paese di chiara tradizione cattolica, chiuse, nel 2011, la propria ambasciata presso la Santa Sede.

Ecco qui, in breve una storia, la storia di questo Papa, l’ultimo in ordine di tempo, il secondo a abdicare dopo Celestino V, oltre settecento anni fa, a rimettere a Dio lo scettro di capo della Chiesa Cristiana. Forse adesso è pronto per essere giudicato?

E adesso? Morto un Papa se ne fa un altro, si dice dalle mie parti, e se non muore?






Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento