<bgsound loop='infinite' src='https://soundcloud.com/sergio-balacco/misty'></bgsound>

pagine

Votami - Please rate my blog

classifica

2013/04/08

Risparmio energetico? No grazie!




Titolo emblematico che deve far riflettere. Sembrerebbe che agli italiani il risparmio energetico non interessi poi tanto. A parole forse si, non nei fatti.

Tutti parlano e straparlano di efficienza energetica, in Italia, ma i fatti sono ancora decisamente troppo pochi. Anzi, per l’ennesima volta siamo costretti a guardare a quei politici che ci rappresenteranno in Parlamento quando un governo verrà finalmente varato, affinché confermino e rendano davvero efficace il 55% di sgravio fiscale per l’efficienza energetica sugli edifici e non ridurlo come previsto dalla legge di bilancio al 36%. Il successo enorme degli sgravi fiscali del 55% per l’efficienza sugli edifici, per esempio, è sempre destinato ad autodistruggersi entro un certo periodo di tempo, ed è stato minato anche dall’innalzamento degli sgravi per le ristrutturazioni in generale: quale cittadino sceglierebbe di dover dimostrare i propri interventi di efficienza energetica per avere un 55% di sgravi fiscali quando può, molto più facilmente, accedere al 50%?


Lo spreco energetico costa al nostro Paese almeno 20 miliardi di euro in un anno, cioè 516 euro a famiglia. Lo dicono le agenzie per l'energia e associazioni delle imprese. In particolare un rapporto di fine 2012 indica che non solo siamo i primi importatori di elettricità al mondo, con la conseguenza che il costo per l'utente italiano è il doppio di quello sostenuto da un francese e il triplo degli svedesi, ma che deteniamo anche la maglia nera europea per la poca attenzione riservata a riciclaggio e fonti alternative.

Come se non bastasse deteniamo anche il record europeo della tassazione sui consumi energetici. "La spremitura di famiglie e imprese tocca la ragguardevole cifra di 31 miliardi di euro l'anno, la più alta d'Europa. E il risparmio energetico pur con grandi passi verso l'efficienza ancora fatica a essere considerato in particolare dalle famiglie italiane.

Sembra un controsenso, lo capisco, se da una parte si ricorre maggiormente alle energie rinnovabili com'è possibile che tutto sommato il divario non si riduce? Perchè gli sprechi sono ancora troppi, va cambiato il sistema, vanno cambiate le forme di produzione e vanno cambiate certe regole di certe amministrazioni pubbliche. Parlo di Comuni, di Province, di Regioni. In particolare quelle amministrazioni di piccoli comuni, con evidenti problemi di bilancio, tendono a non mettere in pratica le azioni di base per arrivare al risparmio. 

Un esempio su tutti: La spesa annuale dei comuni italiani per l’illuminazione pubblica ha superato il miliardo di euro. Più le manutenzioni. Il 95% delle luci utilizza sistemi inadeguati che disperdono inutilmente verso l'alto il 45% della luce erogata, mentre i nostri lampioni, da soli, ne disperdono circa il 30%. I sistemi sono ancora vecchi, molto energivori. I Comuni che utilizzano illuminazioni a led sono ancora pochi, nemmeno le grandi città ne fanno un uso generalizzato, ma lì incidono anche bilanci mostruosamente in perdita, grandi problemi da risolvere prima di modificare l'illuminazione stradale. I piccoli comuni invece sarebbe favoriti in questo ma non si adeguano. Adeguate misure di ammodernamento degli impianti, farebbero risparmiare fino al 40% dell'energia. 

Poi ci sono i paradossi: il fabbisogno energetico è di 198 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio, mentre il consumo effettivo e di 146". Secondo il rapporto l'80% delle famiglie italiane lascia regolarmente sei elettrodomestici in standby, con sprechi che riguardano soprattutto lo scaldabagno (20%), il frigorifero (18%) e l'illuminazione (15%). Solo il 5% delle case e dei negozi infatti utilizza lampade a risparmio energetico, che permettono un risparmio fino al 73% della spesa elettrica. Che senso ha invocare le energie rinnovabili come panacea per ridurre i costi se poi gli sprechi sono costanti e non accennano a diminuire? Sono indice di cattive abitudini che gli italiani, pur nella crisi finanziaria che grava sul paese, non accennano a perdere.

Se a queste accortezze si aggiunge anche il riciclaggio di carta e plastica, la bilancia italiana degli sprechi si alleggerirebbe di altri 60 milioni di euro all'anno: "produciamo 300.000 tonnellate di plastica con 430.000 di petrolio ovvero circa 3 milioni di barili, eppure potremmo arginare queste spese se risparmiassimo energia.

Per questo si chiede un'azione concreta ai politici "per estendere solare e fotovoltaico, geotermia e mini idro, lasciando gli incentivi al 55% per le piccole e medie imprese senza ridurlo al programmato 36% e magari incrementarlo fino all'80% per le famiglie”.

Nonostante sia sia fatto molto ancora siamo lontani dai livelli di risparmio programmati secondo un piano che prevede una riduzione dei consumi nell'ordine di 14 miliardi di euro annui entro il 2016. 

Ma questa Italia ancora non ha ancora capito dove sta andando?


Nessun commento:

Posta un commento

Nel blog non sono ammessi commenti anonimi, quindi per commentare è necessario utilizzare un profilo Blogger oppure OpenID. La piattaforma Blogger permette agli autori dei commenti di cancellare i propri messaggi ma non di modificare il contenuto. Come regola generale è obbligatoria l'educazione sia verso l'amministratore del blog che verso gli altri utenti.

I messaggi possono essere cancellati a insindacabile decisione del blogger, se offensivi, allusivi e/o non attinenti al topic. Nei casi più gravi il ban definitivo dal blog dell'autore del commento incriminato.

Non rispondo a chi mi invia una email senza apporre il proprio nome e cognome. Prendete nota. Buona lettura e grazie della visita.

Please note: comments containing links to other sites will not be published.
Attenzione: i commenti che contengono links a altri siti non verranno pubblicati.

Leave your comment.
Lascia un commento